Gli usi della lavanda

Scritto da Agriturismo La Piantata on . Postato in Prodotti alla lavanda

L’olio essenziale di lavanda non dovrebbe mai mancare tra i rimedi naturali della vostra casa. Volete qualche consiglio su come usarlo?

Contro le punture d’insetti: bastano poche gocce direttamente sulla parte interessata per lenire il prurito di una puntura d’insetto, di una medusa o il fastidio causato da una pianta urticante.

In terms of appeal a replica watches that could be fully mechanized is more price than a single which includes a quartz motion, and that is why these replica uk watch also instruction a better selling price. The replica audemars piguet watches themselves truly came out of an necessity of guy to get a even more efficient and quick way to consider their see at the same time in which every person had high quality luxury replica watches .Most of the popular companies that exist inside the replica iwc watches .

Per i dolori muscolari e reumatici, il mal di testa, il torcicollo e le scottature solari: diluite poche gocce di olio essenziale di lavanda in olio d’oliva o, meglio ancora, in olio di mandorle dolci e massaggiate delicatamente la parte interessata.

Per graffi superficiali, scottature o piccole ferite: applicare qualche goccia sulla ferita…è un eccellente cicatrizzante!

Per le infiammazioni all’orecchio medio: immergete un cotton fioc nell’olio d’oliva e aggiungete 2-3 gocce di olio essenziale di lavanda e passatelo delicatamente sulla parte interessata. La lavanda calma il dolore e attenua l’infiammazione.

Per la cistite e le micosi: fate lavaggi locali diluendo 4-5 gocce di olio essenziale di lavanda nell’acqua, a cui avrete aggiunto 1 cucchiaio di bicarbonato. Se disponibile, potete aggiungere anche 1 goccia di tea tree oil.

Per il raffreddore, la tosse e le allergie da polline: versate qualche goccia di olio essenziale di lavanda in una bacinella di acqua bollente e coprite la testa con un panno. Fate i suffumigi, inalando il vapore dell’acqua. Per aiutare i bambini a dormire, quando sono raffreddati, versate poche gocce di olio essenziale di lavanda su un fazzoletto e strofinatelo sul loro cuscino, prima di metterli a letto.

Per un bagno rilassante: versate qualche goccia di olio essenziale nell’acqua della vasca da bagno e aggiungete 2 cucchiai di bicarbonato. E’ un ottimo rimedio in caso di pelli danneggiate o con micosi e per alleviare lo stress, distendendo i nervi. Potete utilizzarlo anche per il bagnetto dei bambini, aggiungendo all’acqua 1 cucchiaio di amido di riso.

Come doposole o rinfrescante: mescolate 20 gocce di olio essenziale di lavanda a 250 ml di acqua naturale (meglio se termale). Versate la miscela in uno spruzzatore di plastica nuovo e pulito, quindi nebulizzate su tutto il corpo. Conservate in frigo e ricordatevi di agitarlo bene prima di ogni utilizzo. 

Scrub: unite qualche goccia di olio essenziale di lavanda a del sale grosso, quindi massaggiate la parte interessata con movimenti circolari… questo scrub vi donerà una pelle liscia  e profumata!

Pediluvio: versate in una bacinella di acqua tiepida 1 goccia di olio di menta piperita, 1 goccia di olio di eucalipto, 3 gocce di olio di lavanda e 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio. Immergete i piedi per 15 minuti.

Per capelli grassi o con forfora: sciacquate i capelli, dopo lo shampoo, con una soluzione preparata con acqua minerale, il succo di mezzo limone e 10 gocce di olio essenziale di lavanda. Per tenere lontani gli odiosissimi pidocchi dai capelli dei vostri bambini: massaggiate l’attaccatura dei capelli del bambino, sopra le orecchie e dietro la nuca, con qualche goccia di olio essenziale di lavanda puro.

mazzi di lavanda

Per profumare la casa: versate 1 goccia di olio essenziale sui bulbi delle lampadine, facendo attenzione che l’olio essenziale non entri in contatto con la parte elettrica o versatene 1 goccia sugli appositi anelli di terracotta da applicare alla base delle lampadine. Il profumo rilassante della lavanda, grazie al calore della lampadina, si diffonderà delicatamente in tutto l’ambiente. In alternativa potete aggiungere qualche goccia di olio nelle vaschette dell’acqua dei caloriferi (1 goccia ogni mq di casa). Per profumare gli ambienti della tua casa in modo naturale, senza deodoranti chimici, potete anche prendere qualche peduncolo di lavanda (stelo), spezzettarli in una ciotola, aggiungere 7/8 gocce di olio essenziale di lavanda e accenderli con un fiammifero. Quando la fiamma si spegnerà, si innalzeranno delle spirali di fumo, come accade per i bastoncini di incenso, che profumeranno l’ambiente con la fragranza delicata e discreta della lavanda. Un altro metodo semplice e naturale per profumare la casa è quello di scaldare del sale grosso in una padella antiaderente e versare sopra, una volta spenta la fiamma, qualche goccia di olio essenziale di lavanda. Trasferite quindi il sale profumato in una ciotola e lasciatelo al centro di una camera. L’aroma della lavanda si diffonderà lentamente, lasciando ogni ambiente delicatamente profumato.

Infuso: versate un cucchiaino di fiori secchi di lavanda angustifolia in ogni tazza da 250 ml di acqua bollente. Lasciate in infusione per 20 minuti, quindi filtrate e bevete. L’infuso di lavanda ha spiccate proprietà diuretiche e calmanti.

Per profumare la vostra auto: mettete i fiori essiccati di lavanda nel posacenere della vostra auto e versateci qualche goccia di olio essenziale.

Per profumare la biancheria: versate qualche goccia di olio essenziale di lavanda sui fiori essiccati racchiusi in un sacchettino di lino e riponetelo nell’armadio per profumare la biancheria e tenere lontane le tarme. Potete utilizzare l’acqua distillata di lavanda per profumare i panni da stirare, diluendola con normale acqua di rubinetto. Per profumare il bucato basterà qualche goccia versata direttamente nella vaschetta dell’ammorbidente della vostra lavatrice.

Detersivo alla lavanda fatto in casa: vuoi provare? Clicca QUI per scoprire come farlo in casa. Da utilizzare per le superfici dei bagni, della cucina o per i pavimenti.

Sapone alla lavanda fatto in casa: per fare il SAPONE ALLA LAVANDA vi occorre: sapone di Marsiglia, miele di lavanda, acqua qb, olio essenziale di lavanda, fiori di lavanda, stampini da biscotti o stampini per il ghiaccio, olio extra vergine d’oliva.

PROCEDIMENTO: Ungete con l’olio extra vergine d’oliva gli stampini dei biscotti o le formine del ghiaccio, se volete ottenere delle saponette più piccole. Grattugiate con una grattugia a fori grossi il sapone di Marsiglia e mettetelo in un pentolino. Poi fatelo sciogliere a bagno maria, aggiungendo un po’ d’acqua e 1 cucchiaio di miele di lavanda, per rendere il vostro sapone più nutriente. Mescolate energicamente.Una volta sciolto e poi intiepidito, incorporate qualche goccia di olio essenziale di lavanda. A piacere, potete aggiungere anche i fiorellini secchi all’impasto che poi verserete negli stampini. Gli stampini andranno riposti in frigorifero per una notte intera. La mattina seguente togliete le saponette dagli stampini e adagiatele su un canovaccio pulito per farle asciugare completamente. Potete legarci attorno degli steli di lavanda e trasformare le vostre saponette in originali segnaposto o forarle aiutandovi con una punta e creare, con uno spago, una corolla di saponette profumate da appendere nel vostro bagno.

La sperimentazione casalinga non fa per voi? Nessun problema! Potete acquistare il nostro sapone alla lavanda già confezionato.

Volete scoprire altri usi dell’olio essenziale di lavanda?
Cliccate QUI

Tags: , , , ,